Cos'è la gengivite? Segni e sintomi

Cos'è la gengivite?
La gengivite, ovvero l'infiammazione delle gengive, è il primo stadio dei disturbi gengivali e il più facile da curare. La causa diretta della gengivite è la placca, ovvero il deposito di batteri incolore e appiccicoso in continua formazione sui denti e sulle gengive.

Se la placca non viene rimossa mediante l'uso quotidiano dello spazzolino e del filo interdentale, produce tossine (veleni) che possono irritare il tessuto gengivale provocando la gengivite. Questo stadio iniziale può essere risolto, perché l'osso e il tessuto connettivo che tengono i denti al loro posto non ne sono stati ancora coinvolti. Se non viene curata, però, la gengivite può degenerare in parodontite e provocare danni permanenti a denti e mandibola.

Come si riconosce la gengivite?
I segni e i sintomi classici di una gengivite sono: gengive gonfie o arrossate che sanguinano durante lo spazzolamento e denti che sembrano più lunghi a causa della recessione gengivale. Le malattie gengivali possono provocare la formazione di tasche tra i denti e le gengive in cui si accumulano placca e residui di cibo. Alcuni pazienti possono essere soggetti a ricorrente alitosi e sapore cattivo in bocca, anche se la malattia non è in uno stadio avanzato.

Come si previene la gengivite?
Una buona igiene orale è essenziale. L’igiene orale professionale è estremamente importante perché è l'unica in grado di rimuovere la placca che si è accumulata e indurita o si è trasformata in tartaro.

Ecco alcuni accorgimenti per bloccare la gengivite prima che degeneri:

  • Corretta pulizia dei denti e uso quotidiano del filo interdentale per rimuovere placca, residui di cibo e per tenere sotto controllo l'accumulo di tartaro

  • Corretta alimentazione per assicurare un nutrimento adeguato alle ossa delle mandibole e ai denti

  • Evitare sigarette e altri tipi di tabacco

  • Pianificare controlli regolari dal dentista